Meglio regnare all’inferno. Perché i serial killer popolano il cinema, la letteratura, la televisione

34,00 

Descrizione

Negli ultimi quarant’anni il serial killer è diventato sempre più popolare. Protagonista di film, romanzi, graphic novel e serie televisive, nella cultura pop è ritratto come una persona intelligente, astuta e capace, spesso come un vero intellettuale o artista della morte. Eppure le statistiche dimostrano che l’omicidio seriale non è in realtà così frequente come i media e la fiction farebbero supporre. Come si spiega, allora, questa sua presenza sempre più invadente? È una metafora della violenza e della solitudine che affliggono la società contemporanea? Forse. Ma c’è di più.

Informazioni aggiuntive

Autore

Editore