Diorama n°378

3,50 

Descrizione

Nel numero 378 di Diorama troverete: 

IL PUNTO – Su un piano inclinato (Marco Tarchi)

FOCUS – Israele-Hamas: il problema è diventato insolubile (François Bousquet intervista Henry Laurens)

Guerra o terrorismo? Quello che vogliono dire le parole (Aristide Leucate)

Cinquanta sfumature di islamo-nazionalismo (Daoud Boughezala)

LABORATORIO – Anatomia del governo mondiale (Guillaume Travers)

Il pubblico e il privato in discussione (Guillaume Travers)

Attualità di Carl Schmitt (Aristide Leucate)

Carl Schmitt in Cina (Aristide Leucate)

OSSERVATORIO – Ucraina, un esperimento politico del nostro tempo (Henri de Montety)

POLITICA – Alessandro Sallusti intervista Giorgia Meloni, La versione di Giorgia (Marco Tarchi)

Sahra Wagenknecht, Contro la sinistra neoliberale (Carlo Nizzani)

Luciano Canfora. Il fascismo non è mai morto (Marco Tarchi)

L’INTERVISTA (a Marco Tarchi) – “Il problema della nuova classe dirigente di FdI? Molti ideali e poca praticità”

“Si rischiano vertigini di onnipotenza; sbaglia chi si vanta del potere”

Esiste il “radical chic” di destra? La nuova geografia dei salotti che contano e il peso del politicamente corretto

“L’antifascismo è un’arma spuntata”

IDEE – Aa.Vv., Il silenzio del cosmo (Luciano Pignatelli)

Bruno Latour, Non siamo mai stati moderni; Disinventare la modernità; Facciamoci sentire! Manifesto per una nuova ecologia (Giuseppe Giaccio)

Adolfo Scotto di Luzio, L’equivoco don Milani (Michele Del Vecchio)

Lucio Caracciolo e Andrea Riccardi, Accogliere (Giuseppe Giaccio)